I ragazzi di coach Beretta giocano alla grande e dominano il derby, sfruttando un secondo quarto spettacolare di Pezzutti e mandando ben 5 giocatori in doppia cifra. Sluder e Varuzza (28 punti in due) non bastano ai liventini.

Bagno di folla al palasport di via Avellaneda, dove l’Intermek Cordenons ospitava l’Humus Sacile nel primo derby stagionale (il terzo nella quinta giornata, insieme a Goriziana-Dinamo e Sistema-Vis). Biancoverdi ancora privi di De Piante, mentre per Sacile, con Andreotti alla seconda in panchina dopo le dimissioni di Brecciaroli, erano assenti Bovolenta e Bellinvia (per turnover).

Sono gli ospiti a partire meglio, con Dalmazi e Varuzza ad obbligare coach Beretta al time-out sul 6-11 del 5’. Di qui in avanti, sarà solo Intermek: i biancoverdi piazzano un contro-break di 9-0 firmato Pezzutti e volano sul +8 del 10’ con una bomba di Luis arrivata a 3” dalla sirena dopo una splendida azione corale (20-12). Cordenons non si ferma, e allunga nel secondo parziale: Pezzutti, travestito da Steph Curry, segna 14 punti consecutivi in ogni modo possibile, riuscendo ad annichilire un team di coach Andreotti  che, dal canto suo, fatica a circolare palla in attacco e si affida principalmente alle iniziative individuali di Pagotto e Sluder. All’intervallo il distacco sale a 16 lunghezze sul 43-27. Sacile sembra uscire dagli spogliatoi con la giusta determinazione e torna subito sotto la doppia cifra di svantaggio con un 7-0 formato Fabbro-Varuzza, ma i Beretta-Boys ristabiliscono immediatamente le distanze con le triple di Frusi (ottimo terzo quarto da 10 punti e altra prestazione convincente per l’ex Ormelle) e Pivetta. Se da una parte Varuzza è praticamente l’unico ad illuminare, dall’altra Damjanovic è il regista di una squadra che gioca a meraviglia: è una bomba di Basaldella a fissare il punteggio sul 63-47 del 30’. I biancoverdi arriveranno fino al +21 (massimo vantaggio) a 4’ dal termine con altri due siluri (Basaldella e Mezzarobba) e con qualche gioco di prestigio firmato Damjanovic, prima che Pagotto e D’Angelo addolciscano la pillola nel finale riducendo lo scarto fino al definitivo 85-71 con cui si chiude l’incontro. Cordenons sale a 4 vittorie in 5 partite, mentre è sempre più in salita la strada dell’Humus Sacile, ferma all’unico successo stagionale ottenuto contro il fanalino di coda Romans.

Nel prossimo turno Cordenons giocherà a Romans, mentre l’Humus ospiterà la Servolana.

INTERMEK CORDENONS – HUMUS SACILE 85-71 (20-12, 43-27, 63-47)

INTERMEK CORDENONS: Frusi 13, Damjanovic 15, Pezzutti 19, Luis 10, Mezzarobba 5, Costanzo 2, Corazza 2, Marella, Camaj, Basaldella 6, Pivetta 13, Casara. All. Beretta

HUMUS SACILE: Citton, Colombo, Dal Bello 2, Fabbro 10, Franzin, Dalmazi 9, Sluder 14, Zambon 3, Varuzza 14, D’Angelo 10, Pagotto 9. All. Andreotti

Arbitri: Toffolo e Cotugno