La presentazione del progetto, con la showgirl Juliana Moreira, ha portato una ventata di contagioso entusiasmo in pedemontana.

Che l’Aviano Basket facesse sul serio, ad essere sinceri, si era capito da un po’. La presentazione del progetto #avianobasket4cro, tuttavia, ha superato ogni più rosea aspettativa, a partire dal restyling del Palazzetto, curato in ogni dettaglio dallo Staff del vero deus ex machina della giornata: Massimiliano Rizzo. Proprio lui, il capitano della Nuova Contec, è riuscito a portare in pedemontana una showgirl del calibro di Juliana Moreira, probabilmente la figura più adatta per presentare un progetto importante come la collaborazione con il CRO di Aviano: a partire da ieri, infatti, la società del presidente Fedrigo ha dato il via ad una raccolta fondi per aiutare i malati oncologici. Bellissima, energica e solare come non mai, l’ex conduttrice di Paperissima ha regalato al numerosissimo pubblico (tribune pienissime) un pomeriggio spettacolare, presentando con la consueta simpatia ed autoironia, uno dopo l’altro, i giocatori dell’Aviano Basket dalla prima squadra al Minibasket. Musica, droni ed effetti speciali hanno fatto il resto: insomma, una giornata memorabile, perfettamente riuscita!

Accanto a Juliana, a condurre l’evento, lo speaker ufficiale del Pordenone Calcio e membro dello staff di YouBasket Fabio Pessotto, impeccabile e pungente come sempre: abbiamo fatto due chiacchiere con lui, ricavandone questa bella intervista.

Fabio, sul tuo volto si legge tanta soddisfazione. D’altronde, è sempre bello dare il proprio contributo in occasioni del genere.

E’ un dovere sostenere le società che vogliono fare le cose per bene, che tutelano la creatività dei giovani e danno importanza al settore giovanile, la scelta di Aviano di aver fatto uscire per ultimi i più piccoli e lasciar loro piena visibilità ne è un esempio. Poi, il fatto che una Star del calibro di Juliana Moreira sia venuta gratuitamente a sostenere un progetto del genere la dice lunga sul come evidentemente ad Aviano c’è chi sa gestire rapporti di amicizia e stima importanti.

Mi dicevi, poco fa, che sei rimasto particolarmente colpito da tutto ciò che è girato intorno a questo evento. Nello specifico?

Quello che mi ha colpito di più è come Max Rizzo, riconosciuto dalla squadra come capitano, sia riuscito a coinvolgere così tanti ragazzi che con passione e senza volere nulla, se non un panino e qualche birra, hanno reso questa serata uno spettacolo vero. Il presidente Fedrigo ha fatto bene, ha dato carta bianca a un gruppo di giovani e ha ottenuto un risultato sicuramente mai visto in questo palazzetto.

Aviano, così come altre società, ha dimostrato ancora una volta la voglia di crescere che si respira nella realtà cestistica pordenonese: qualcosa sembra muoversi.

Ciò che mi rende orgoglioso di essere nel team di YouBasket è che il nostro lavoro, che svolgiamo con una passione assoluta per questo sport e per il territorio, viene ripagato dalla fiducia di molte società che spesso ci chiedono una mano, come in questo caso. La speranza è che politica e presidenze varie abbiano il coraggio di assumersi la responsabilità di troppe scelte sbagliate e lascino spazio ai giovani, Pordenone merita una svolta. Le persone che questa svolta la possono dare ci sono e lo stanno dimostrando ormai da un paio d’anni.

Hai parlato di svolta. Così, pour parler, avresti qualche idea?

Credo che le prime squadre debbano essere un contenitore di sponsor che si sentano in dovere di sostenere le attività del mini basket, immaginate se tutte le società di Pordenone potessero regalare la quota del mini basket a tutti i bambini grazie agli sponsor… avremmo un movimento con un mare di iscritti… un mare di futuri dirigenti, presidenti, giornalisti e giocatori… volutamente messo per ultimo.